La Volley Terracina pronta per l’ultima in casa e tira il suo bilancio.

Domenica prossima la Volley Terracina disputerà tra le mura amiche del PalaCarucci, l’ultima partita casalinga del campionato di serie C di questa stagione, affrontando il Fonte Nuova Roma.

Più che altro sarà questa una passerella per le giovani tigrotte biancocelesti, le quali hanno disputato un torneo, in una visione generale, davvero eccezionale, con una ovvia e naturale partenza a singhiozzo, visto che la squadra è stata allestita in pochissimi giorni dopo la rinuncia alla serie B1, ed un girone di ritorno da rullo compressore, cosa che le ha permesso di raggiungere la salvezza con diverse giornate di anticipo, piazzandosi per ora al settimo posto della classifica.

I meriti di questa cavalcata meravigliosa vanno a tre componenti fondamentali: in primis al coach Carmine Pesce e il suo vice Stefano Trillò, che con la pazienza e con un lavoro meraviglioso sono stati capaci di amalgamare una squadra nuovissima e giovanissima, cercando di far combaciare con il trascorrere dei mesi tutti i pezzi di un puzzle formato da un gruppo di ragazze per lo più molto giovani, condito dalla presenza di qualche figura più esperta a fare da chioccia e da traino per le più acerbe nella categoria. Pesce ha saputo trovare il giusto equilibrio tra i reparti, ha sempre goduto della fiducia della società, anche quando le cose all’inizio non andavano bene, ma con la caparbietà che lo contraddistingue e l’esperienza che pochi come lui hanno nel volley femminile, ha saputo tirare fuori da ogni ragazza il meglio e fare in modo che questo fosse messo al servizio della squadra, per ottenere dei risultati di prestigio.

L’altra componente è data dal roster, cioè da tutte le ragazze che hanno partecipato al campionato, una rosa di atlete composta per otto undicesimi da elementi provenienti e/o cresciute nel proprio settore giovanile, a partire dalle giovanissime Bagnara e Trillò, non ancora quindicenni, fino alla più “anziana” del gruppo, come la Marchesini. Questo è un dato che inorgoglisce la società tirrenica, poche sono state le squadre che quest’anno hanno schierato un numero così alto di atlete “fatte in casa” e che soprattutto, costituisce una base solida e valida per il futuro. Le ragazze dicevamo, sono state delle meravigliose protagoniste, hanno lavorato duro in palestra, spesso e volentieri con temperature inaccettabili per allenarsi, attraversato momenti di sconforto e gioiosi allo stesso tempo, subito, spesso a ragione, la voce grossa del proprio allenatore, ma nonostante tutto ciò non hanno mollato un centimetro e hanno cercato sempre di rispettare i suggerimenti del coach per condurre vittoriosamente un incontro. In merito a tutto questo, è stata giustificata l’esultanza di domenica scorsa, al termine della gara vinta con il Marino, non tanto per la salvezza matematica raggiunta, ma per la consapevolezza di aver compiuto un vero e proprio capolavoro in campionato, festeggiando quindi a differenza di altri, una “salvezza certa”.

La terza ma non ultima componente è senz’altro la società, che ha avuto soprattutto il merito di sapersi adattare ai cambiamenti, dopo gli ultimi anni passati in serie B1 e rinunciata all’ultimo momento per cause non imputabili alla società stessa, non era facile per niente ributtarsi nella mischia, allestire in breve tempo una squadra almeno competitiva e affidarla al proprio allenatore per affrontare una stagione. Questa ha tenuto botta, sempre, accettando all’inizio di buon grado l’ennesimo “trasloco” in altra sede per le partite casalinghe, in attesa della nuova disponibilità del PalaCarucci, ha sempre dato fiducia all’allenatore, nonostante i risultati in avvio non fossero dei più brillanti, ma tutti sapevano che il lavoro di Pesce alla lunga avrebbe dato i suoi frutti, ma soprattutto ha avuto il coraggio di sapere e voler puntare sulle giovani, vero volano di traino della società. Ecco, la partita di domenica prossima racchiuderà in sé tutte queste componenti, tutti avranno il diritto di poter sorridere e gioire per il risultato ottenuto, ci si attende un palazzetto gremito per poter salutare e dare il giusto tributo a tutti coloro che hanno contribuito a questo, consapevoli che il prossimo, con queste basi, sarà un nuovo campionato vissuto da “protagonisti” !!!

 

Silvio Bagnara

Ufficio Stampa

Volley Terracina

Related posts

Leave a Comment