16^ Calise Cup: il torneo di beach handball a Gaeta è di dominio polacco.

Auto Forum Petra Plock e Red Hot Czili Buk sugli scudi, finali di livelli eccellenti e spalti sold out

Sono le compagini provenienti dalla lontana Polonia ad accaparrarsi i titoli di campioni uscenti nella 16esima edizione della Calise Cup, ovvero nella categoria maschile l’Auto Forum Petra Plock di Adrian Fiodor e compagni ed in quella femminile le ragazze del Red Hot Czili Buk.Presso il Lido Serapide è stato spettacolo vero e proprio, con due match che hanno fatto riempire spalti e struttura all’inverosimile ed emozionato tutti gli appassionati di questo incredibile sport ed incuriosito passanti e abitanti di Gaeta che man mano (si spera si diano una mossa,ndr) capiscono l’importanza ed i sacrifici fatti dallo staff del Cus Cassino Gaeta ’84 per portare avanti un evento sportivo in crescita che ha portato e porta sempre più le eccellenze del beach handball a livello europeo ma anche mondiale.

Lo spettacolo già iniziava con le finali del 3^ – 4^ posto.

In ambito femminile gran bella sfida tra le danesi del Beachlandshold di coach Morten Holmen e le croate del Detono Zagreb,quest’ultime passato due volte campionesse d’Europa.A spuntarla però sono state le danesi, le quali con Hanne Freidsen premiata come miglior portiere del torneo, si sono imposte sulle forti croate, purtroppo prive della loro punta di diamante, ovvero Tjasa Leksan, costretta a star fuori dal rettangolo di gioco.Finalissima al femminile,invece,in dubbio dall’inizio alla fine dato che dopo 1 set a testa nella sfida tra le polacche del Red Hot Czili Buk e le slovacche del Cannabis Energy Drink Kanonierky, ad aggiudicarsi il titolo di vincente del torneo sono state le polacche di Iwona Rura e compagne.

Nella categoria maschile bella sfida tra il Detono Zagreb di capitan Ivan Jugovic e la compagine tedesca del Nordlichter ma ad aggiudicarsi il terzo gradino del podio sono stati i croati, i quali seppur con una squadra rinnovata viste le assenze di spicco di Ivan Juric e Valentino Valentakovic tra le altre,dimostrano di essere sempre la squadra da battere e ricca d’esperienza in ambito mondiale; mondiali che sono ormai alle porte e vedono la nazionale a quadri biancorossi tra le favoritissime.

Infine, finalissima maschile che ha riempito gli spalti (e non solo,ndr) tra gli spagnoli del Balonmano Playa Barbate e i giganti polacchi del Auto Forum Petra Plock.Sfida punto a punto che ha emozionato tutti i presenti, livello tecnico altissimo sul rettangolo di gioco del Lido Serapide e alla fine ad alzare le mani al cielo in segno di vittoria sono stati i polacchi di Adrian Fiodor e compagni, squadra solida,altamente fisica e sempre corretta in campo.

Dunque, la Calise Cup 2016 parla polacco per questa 16esima edizione e il livello tattico delle squadre presenti è stato davvero di lustro e la presenza di ben 12 nazionalità ha portato una ventata di freschezza in una città che troppo spesso si addormenta e non ama le novità.Si è trattato di un weekend pieno di allegria, unione tra popoli e nazionalità differenti,accomunate da un unico linguaggio universale, ovvero quello dello stare insieme giocando a beach handball.Inoltre il torneo internazionale di beach handball si rivela ancora per l’ennesima volta grande evento di promozione turistica,viste le squadre che hanno ammirato le bellezze di Gaeta (tranne i castelli, e su questo ci sarebbe molto da discutere) ed evento che porta molto giovamento nelle tasche dei commercianti gaetani, i quali speriamo prima o poi diano una mano per far crescere sempre di più il torneo.

Infatti sono stati comprati centinaia di gelati,pizza a volontà e tanto buon cibo locale che hanno deliziato i palati di tutti i partecipanti.

E allora,cosa dire di più..

Un grande applauso allo staff del Gaeta Handball ’84 per la riuscitissima organizzazione del torneo ed arrivederci al prossimo anno,magari con qualche nazione in più, qualche volto nuovo d’eccellenza e qualche sponsor importante.

Per coach Antonio Viola:”I sacrifici per organizzare tale evento sono stati enormi, portare e gestire ben 12 nazionalità non è stato per nulla facile ma vedere tutti quanti uniti in un periodo così difficile e strano per l’Europa,mi ha riempito il cuore di gioia e siamo stati ripagati di tutto il lavoro fatto,abbiamo dimebticato tutte le porte chiuse in faccia e la nostra vittoria è stata quella di essere stati invitati nei vari tornei delle squadre presenti e i vari apprezzamenti di tutti i partecipanti. Invito la cittadinanza a darci un ulteriore aiuto perché è un torneo che porta alla città di Gaeta davvero una ventata di novità,di allegria e di integrazione. Bellissimo vedere tanti popoli diversi parlare insieme e condividere tutto senza pregiudizi. Infine,il livello tecnico credo sia stato pari a quello delle finali europee per clubs e ciò non fa che inorgoglirci e riempirci di soddisfazione”.

Questa la classifica finale:

Maschile:

Auto Forum Petra Plock (Polonia)

BM Playa Barbate (Spagna)

Detono Zagreb (Croazia)

Nordlichter Beach Handball (Germany)

Niteroi Rugby (England)

Sospechosos Habituales (Spain)

Balon’s Gang (Slovakia)

Ufficio Stampa Calise Cup

Related posts

Leave a Comment